Caso tipico: avete, o volete impostare, un server domestico con Ubuntu Linux, che agisca anche da server sempre attivo per il download e upload via bittorrent.
La richiesta di risorse è molto limitata e potete resuscitare un sistema molto vecchio, ad esempio persino un vecchio laptop su cui non volete nemmeno installare l’interfaccia grafica (a patto che abbia un disco sufficientemente capiente per i file che volete scaricare).

L’idea di partenza è avere quindi un server che faccia tutto dietro le quinte, e che sia sicuro.

Questa guida è ispirata ad altre due guide: questa e quest’altra.

Se volete la spiegazione dei vari passaggi, la trovate in fondo all’articolo.

Installato Ubuntu (l’ultima versione, al momento di scrivere, è la 12.04 Precise Pangolin) eseguite i seguenti comandi:

sudo adduser --disabled-password --system --home /home/deluge --gecos "BitTorrent Service" --group deluge
sudo mkdir /home/deluge/Incoming
sudo chown deluge:deluge /home/deluge/Incoming
sudo mkdir /home/deluge/Completed
sudo chown deluge:deluge /home/deluge/Completed
sudo add-apt-repository ppa:deluge-team/ppa
sudo apt-get update
sudo apt-get install deluged deluge-webui

Quindi create il file /etc/init/deluge.conf:

sudo nano /etc/init/deluge.conf

e incollate all’interno il seguente testo:

start on (filesystem and networking) or runlevel [2345]
stop on runlevel [016]
env uid=deluge
env gid=deluge
env umask=000
exec start-stop-daemon -S -c $uid:$gid -k $umask -x /usr/bin/deluged -- -d

per salvare premete Ctrl-X e date l’ok premendo Y o S a seconda che Ubuntu sia in inglese o italiano.

Poi create il file /etc/init/deluge-web.conf:

sudo nano /etc/init/deluge-web.conf

e incollate all’interno il seguente testo:

start on started deluge
stop on stopping deluge
env uid=deluge
env gid=deluge
env umask=027
exec start-stop-daemon -S -c $uid:$gid -k $umask -x /usr/bin/deluge-web

Per avviare deluge è necessario il comando:

sudo start deluge

e per terminarlo:

sudo stop deluge

mentre per riavviarlo (ad esempio dopo modifiche alla configurazione, perché queste ultime abbiano effetto):

sudo restart deluge

L’interfaccia web di deluge si avvia e chiude contemporaneamente al demone, quindi non è necessario intervenire su quest’ultima; raggiungerla è piuttosto banale: se avete un’interfaccia grafica installata sullo stesso server, aprite un browser e dirigetevi all’indirizzo http://localhost:8112 (la password di default è deluge), altrimenti se vi collegate da un altro PC della rete, allora usate http://:8112.

Una volta ottenuto l’accesso all’interfaccia web è consigliabile effettuare alcuni cabiamenti: innanzitutto se vi compare la finestra di connessione al demone, premete il pulsante Connect, quindi dal pannello in alto premete Preferences e passate in rassegna le varie sezioni.

Vorrete probabilmente ridimensionare il numero di connessioni totali (400-500), attivare la crittografia (mettete “Enabled” e “Full stream” nelle varie opzioni e attivate la casellina), impostare correttamente le cartelle di salvataggio dei file (mettete /home/deluge/Incoming per i file in arrivo, e /home/deluge/Completed per i file che sono stati scaricati completamente), nella sezione Interface cambiate la porta di default ad una diversa, e attivate la casella SSL, cambiate la password premendo il pulsante Change sotto alle caselle di testo, e quindi riavviate deluge per attivare i cambiamenti. Se avete attivato SSL e cambiato porta, ad esempio 1234, vi dovrete collegare all’indirizzo https://localhost:1234 (oppure https://:1234), fate attenzione al protocollo, che diventa https con la “s” finale che sta per secure. Il vostro browser vi farà presente che il sito richiede dei certificati, se siete su Firefox cliccate su “Aggiungi eccezione” e salvate il certificato, oppure seguite gli opportuni passaggi sugli altri browser.

Cosa fa questa guida esattamente?

I vari comandi all’inizio servono a creare un utente riservato a deluge (invisibile dalla schermata di login, si potrebbe dire che è un account “di servizio”), in modo che una eventuale compromissione dell’account da remoto tramite una falla di sicurezza del demone deluge non metta a rischio l’intero server; viene creato un account chiamato deluge appartenente al gruppo deluge con cartella home uguale indovinate un po’ a /home/deluge nella quale verranno poi create le cartelle Incoming e Completed destinate rispettivamente ai file in fase di download ed allo spostamento di questi ultimi una volta completati. Il comando chown serve a attribuire all’utente deluge la proprietà delle suddette cartelle, siccome le creiamo come utente root.
Nella creazione dello script di avvio delige.conf il valore 000 assegnato al parametro umask serve a permettere l’accesso in lettura e scrittura alle cartelle di scaricamento di deluge da parte degli altri account del server, in modo che ad esempio non sia necessario impostare mirabolanti configurazioni multiutente per accedere via Samba alle cartelle del server da un pc Windows.
Se avete installato Samba, piuttosto, potete molto più facilmente accedere al server deluge usando, tramite rete locale, il nome del server. Se ad esempio l’hostname della macchina Ubuntu è pincopallo, una volta che avete impostato il WORKGROUP in /etc/samba/smb.conf ad un nome uguale al workgroup del vostro PC Windows, dal vostro browser preferito potete digitare semplicemente https://pincopallo:1234 (se vogliamo seguire l’esempio precedente).

Digiprove sealThis article has been Digiproved

Comments

comments